L'insicurezza sul posto di lavoro

Nella vita privata mi ritengo una persona che ha autostima e che è sicura di sé stessa, posso dire che mi piaccio e sono fiera della persona che sono, anche se, specialmente in passato, sono spesso stata molto severa con me stessa.

Per quanto riguarda il lavoro, invece, non ho tutta questa sicurezza, anzi, mi capita di non sentirmi ancora super convinta, tranquilla e sicura di me. Il mio nuovo obiettivo è quindi quello di rimuovere questa dannata insicurezza che ogni tanto prende il sopravvento e ti fa sentire non in grado di affrontare riunioni, situazioni, confronti con capi e colleghi e giornate di lavoro intense.

Per prima cosa, è importante fermarsi un attimo e riflettere su che cosa mi preoccupa e come mai. Quali sono le mie paure? Quali gli ostacoli che creano agitazione?

Dopo essermi posta questa domanda penso che, per quanto mi riguarda, le preoccupazioni riguardino le diverse responsabilità che questo lavoro comporta e quindi la paura di sbagliare, di fare errori importanti, di non essere presi sul serio. Il paradosso è che, quando si ha paura di non essere presi sul serio, non si viene effettivamente presi sul serio. Questo perché se non ci si sente sicuri di sé, almeno che non si è proprio bravi a nasconderlo, l'insicurezza traspare e si nota, magari dai toni di voce, dal modo in cui si pongono le domande eccetera.

Cosa fare quindi?

Dopo aver riflettuto sulle proprie paure, mi aiuta ricordarmi che ogni giorno ci sono diverse situazioni da affrontare, ogni giorno ci saranno nuove sfide e nuove difficoltà. Sta a noi decidere come affrontarle, loro sono comunque presenti, è meglio affrontarle con tranquillità o accompagnati dall'insicurezza? In ogni caso esse sono lì, l'unica cosa che noi possiamo cercare di controllare è il nostro modo di viverle. Non è facile cambiare il modo di affrontare le cose, è un lavoro lungo, da consolidare ogni giorno. Io non sono ancora arrivata alla sicurezza che vorrei acquisire e so che ci vorrà ancora del tempo, so che ci saranno giornate in cui mi sentirò più competente e altre in cui mi sentirò un po' persa.

Essendo che, di aspetto fisico, sembro molto più giovane della mia età, diventa complesso ogni tanto sentirsi grandi. Questo è un ulteriore mio blocco da superare, il fatto di non sentirsi "piccoli" lavorativamente parlando.

Per non sentirmi piccola mi ripeto e mi ricordo di non esserlo. Ogni tanto mi ascolto, altre volte no. Quando non mi sento piccola ma sicura di me le giornate sono migliori e aumenta la sensazione di essere capaci. Nei giorni no, invece, mi sento come se mi venisse voglia di arrendermi, di accasciarmi e sento

che l'insicurezza vince in quelle giornate. Non voglio più permetterle di vincere.

Voi come avete affrontato le vostre insicurezze? Cosa vi aiuta a sentirvi sicuri di voi?